PL EN
Wydawnictwo
WSGE
Wyższa Szkoła Gospodarki
Euroregionalnej
im. Alcide De Gasperi
ROZDZIAŁ KSIĄŻKI (247-262)
Infanzia negata: il bambino soggetto di diritti ABSTRACT
 
Więcej
Ukryj
1
Università Pedagogica di Bari “Aldo Moro”, Italy
 
 
SŁOWA KLUCZOWE
STRESZCZENIE
Con il presente saggio intendo focalizzare il mio intervento su una tematica fortemente attuale nella contemporaneità quale quella dell’infanzia negata. Infatti il bambino in quanto persona è soggetto di diritti, inviolabili e non negoziabili che debbano essere tutelati e non violati. Infatti non possiamo restare indifferenti e neutrali dinanzi ai gravi fatti di cronaca e alle numerose forme di sfruttamento che quotidianamente nel mondo sono all’ordine del giorno. Bisogno eticamente e dal punto di vista pedagogico scegliere di stare dalla parte dei bambini che, purtroppo, sono oppressi, maltrattati, ridotti in schiavitù, mercificati, sfruttati e spesso ridotti ad oggetto di scambio come nel traffico degli organi per fini di lucro. I doveri verso l’infanzia negata, e quindi nei confronti di tutti i bambini e le bambine i cui diritti vengono proclamati nelle carte ma sostanzialmente negati, necessitano della riscoperta e della nozione di obbligo, tanto cara a Simone Weil e che richiama alla categoria di responsabilità. Le categorie di obbligo, di responsabilità sociale e morale devono connotare l’identità professionale dell’educatore nella tutela e nella protezione dei diritti dell’infanzia, affinché l’educazione in tal senso sia attenta al mondo, ai valori e ai vari contesti situazionali in una società, come la nostra, sempre più finalizzata al successo economico e sempre meno interessata a proteggere i più deboli, i più fragili e i minori.
 
REFERENCJE (30)
1.
Bertolini, P. (2003). Sull’identità dell’educatore, “Studium educationis” No. 3, pp. 728–729.
 
2.
Buber, M. (1993). Il principio dialogico e altri saggi, a cura di A. Poma, Torino: San Paolo.
 
3.
Cacciari, M. e Martini, C.M. (1995). Dialogo sulla solidarietà, Roma: Edizioni del Lavoro.
 
4.
Cartabia, M. (2010). I “Nuovidiritti”, www.olir.it/areetematiche/166/..., p. 3.
 
5.
Cendon, P. (1991). I bambini e i loro diritti, Bologna: Il Mulino.
 
6.
Compagnoni, F. (1995). I diritti dell’uomo. Genesi, storia e impegno cristiano, Cinisello Balsamo: San Paolo.
 
7.
Esposito, G. (2005). Il male minore: violenze, maltrattamenti e abusi nell’infanzia, Roma: Edizioni Lavoro.
 
8.
Giliberti, G. (1990). Diritti umani. Un percorso storico, Bologna: Thema.
 
9.
Graca, T., Such-Pyrgiel, M. (2018). Nowe problemy oddziaływań wychowawczych w kontekście zjawisk pojawiających się w okresie ponowoczesności. W: J. Wylężałek, M. Such-Pyrgiel (ed.), Szkice pedagogiczne. Dylematy juwentologii, Jozefów: Wydawnictwo WSGE, ISBN 978-83-62753-92-5.
 
10.
Hervada, J.J. (2013). Cos’è il diritto? La moderna risposta del realismo giuridico, Roma: Edizioni della Santa Croce.
 
11.
Lodi, D., Baratelli, C.M. (1997). Una cultura dell’infanzia, Roma: La Nuova Italia Scientifica.
 
12.
Marsico, G. (1988). Profili storico-ricostruttivi del concetto dei diritti umani. W: A.M. Revedin (ed.), Diritti dell’uomo e ideologie contemporanee, Padova: Cedam, pp. 249–295.
 
13.
Menozzi, D. (2012). Chiesa e diritti umani, Bologna: Il Mulino.
 
14.
Obirek, S., Bauman, Z. (2016). Conversazione su Dio e sull’uomo, Bari: Laterza.
 
15.
Oestreich, G. (2007). Storia dei diritti umani e delle libertà fondamentali, a cura di G. Gozzi, Roma–Bari: Laterza.
 
16.
Papini, R. (a cura di) (1984). Droits des peoples, droits de l’homme, Paris: Le Centurion.
 
17.
Pariotti, E. (2013). I diritti umani, concetto, teoria, evoluzione, Padova: Cedam.
 
18.
Possenti, V. (2010). Inflazione dei diritti e crisi dei doveri, “La Società” No. 1, pp. 18–35.
 
19.
Rodotà, S. (2012). Il diritto di avere diritti, Roma–Bari: Laterza.
 
20.
Santerini, M. (1998). L’educatore tra professionalità pedagogica e responsabilità sociale, Brescia: La Scuola.
 
21.
Saulle, M.R. (1992). Codice internazionale dei diritti del minore, Napoli: Esi.
 
22.
Scheler, M. (1976). Opere, Vol. IX, Bern: Francke Verlag.
 
23.
Such-Pyrgiel, M. (2014). Legal changes against the family and single people in twenty first century in Poland. W: “Annales Universitatis Apilenis Series Jurisprudentia JURISPRUDENTIA”, ISSN 1454-4075, Vol 17, pp. 148–156.
 
24.
Such-Pyrgiel, M. (2018). The Socio-Demographic Changes in Contemporary Polish Society – Selected Issues. W: “Politické vedy” [online], Vol. 21, No. 4. ISSN 1335-2741, pp. 162–177. Available at: http://doi.org/10.24040/politi....
 
25.
Vincensini, J.J. (1985). Les livres des droits de l’homme, Paris: R. Laffont.
 
26.
Viola, F. (1997). Dalla natura ai diritti. I luoghi dell’etica contemporanea, Roma–Bari: Laterza.
 
27.
Viola, F. (2001). Le basi antropologiche dei diritti umani. W: L. Lippolis (ed.), La Dichiarazione Universale dei Diritti dell’uomo verso il duemila, Napoli: Esi, p. 55.
 
28.
Weil, S. (1990). La prima radice. Preludio ad una dichiarazione dei doveri verso l’essere umano, Milano: Mondadori.
 
29.
Weil, S. (2013). Dichiarazione degli obblighi verso l’essere umano. W: S. Weil, Una costituente per l’Europa. Scritti londinesi, a cura di D. Canciani, M.A. Vito, Roma: Castelvecchi.
 
30.
Zongoli, M., Maccarello, D. (1991). Perché il bambino bruciato. W: D. Maccarello e M. Zongoli (a cura di), Il Bambino bruciato: incontro internazionale di Castiglioncello 1990, Firenze: La Nuova Italia, p. 3.